Categorie

La pasta Emiliana

gennaio 7, 2009

                                                                pasta1

tipica sono tagliatelle, larghe e strette , lasagne, tortellini ; vari i condimenti , ragù o altro ,ma alla base, appunto la “sfoglia”.

Sapere fare la pasta era  il punto d’onore delle nostre mamme e nonne; oggi è pretendere troppo ;  per tirare la sfoglia , sottile a velo e senza produrre buchi ci vuole davvero tanta esperienza .

Per noi  donne di oggi, per fortuna esistono le macchine per tirare la pasta , ve ne sono di ottime  e molto semplici oramai tradizionali ed anche a motore : sempre meglio della pasta comprata fatta sia fresca che  non assorbe i condimenti e non ha alcun sapore o è troppo dura  ;

preparare l’impasto invece , può farlo chiunque : dunque  un etto di farina ( va bene la 0)ed un uovo per persona ; se l’impasto fosse troppo tenero aggiungete farina ;ricordate che piu uova si mettono più la pasta  è dura e che  il clima , ebbene si , la umidità dell’aria e anche la grandezza delle uova influiscono sull’impasto ; impastate a mano per parecchio finchè la pasta non è bella gialla , soda e liscia ; fate una  palla,dividetela in  pezzi e fateli passare nella macchina per tirar la pasta ; fate passare molte volte finché la striscia non sia ben compatta come un foglio di pergamena .

A questo punto tagliatela a grandi riquadri per le lasagne,  o a strisce per le tagliatelle .

 Mettetele su un tagliere di legno ad asciugare ; attenzione, metterle sul marmo, sul top della cucina o su canovacci è la fine della vostra pasta .

Qualche consiglio per la cottura : mettete sempre sia che la pasta sia secca  che fresca  un cucchiaio di olio nell’acqua che bolle per evitare che la pasta attacchi , come si dice , si incolli .

 Inoltre togliete la pasta a metà cottura  mantecandola  nel suo sugo  ; per questo, conservate un poco di liquido di cottura che può servire; mettete la pasta in un recipiente basso, meglio di rame o alluminio e unitevi il sugo mescolando delicatamente con  posate di legno che non la romperanno e terminate  la cottura ; se si asciuga troppo aggiungete un poco dell’acqua di cottura o , se il condimento lo consente , della panna , ma mai al ragù .

No Comments Yet.

Leave a Reply