Categorie

L’Orsetto Knutt

maggio 18, 2009

 knut9

I ghiacci si stavano sciogliendo ad annunciare l’arrivo della stagione bella quando i laghi sarebbero diventati blu e i monti verdi.

Il grande Orso Bianco si alzò sulle zampe posteriori e inalòknut6 l’aria, fredda come piaceva a lui poi si guardò intorno fino all’orizzonte vastissimo e vuoto. Si sentì un poco solo e ricordò il suo Amico, anzi l’Amico, quello che lo chiamava .” su piccolo Knut  mangia  sollevati ..”Il suo primo ricordo lontano era con la sua mamma; ma lei se ne era andata presto orsoknut

:

Nello zoo c’era lutto : l’orsa era mancata e aveva lasciato due piccoli : uno non aveva resistito ma l’altro sembrava avere tanta voglia di vivere .knut2

“Dottore, non ci pensi, è impossibile tenere in  vita questo cucciolo senza la madre .”

“Direttore io voglio provare cosa la costa è un problema mio “.

Così per giorni il veterinario nutrì il piccolo orso, lo scaldò lo tenne con se fino  a  che lui divenne capace di mangiare da solo.

knut1Knutt, così lo chiamò, lo seguiva ovunque: si rotolava nelle vasche e sui sassi, caracollava intorno al recinto e quando era troppo caldo, metteva le zampotte nell’acqua di una pozza.knut3

Vennero a vederlo tanti bambini, Knutt era divenuto una favola -.

Ma il tempo passava e un orsetto non è propriamente un peluche; amava il suo Amico e giocava con lui ma i suoi unghioni erano già grossi e quando si alzava sulle zampe e lo abbracciava, il dottore rischiava  grosso. Cominciò allora a avvicinarlo con le braccia protette da apposite imbottiture con cui Knutt giocava.

         Ma un giorno ……

“ Direttore non vorrà vendere Knutt?’ dopo quello che ha fatto guadagnare allo zoo!”

“Dottore non posiamo più tenerlo lo zoo di Mumbai si è offerto di comprarlo e là andrà e starà benone”.

Il dottore parlò a lungo con Knut cercando di spiegargli la cosa; l’orso lo ascoltava ma non capiva; sentiva solo il dolore del suo Amico e diventava sempre più triste .

Si sdraiò su un masso e restò li fermo. L’istinto gli faceva immaginare distese immense, fredde e ventose; sognava di nuotare nell’acquaknut4 gelida e di percorrere i ghiacciai che non aveva mai veduto; sentiva un richiamo lontano che non aveva mai udito e la tristezza lo colse quasi a spezzargli il cuore. Non c’era più la mamma, avrebbe perso il suo Amico e lo avrebbero portato in una città sconosciuta, calda, ignota; due lacrime gli scesero sul muso perché anche gli orsi piangono.

Di colpo lo investì un’aria freddissima e tanto piacevole : avvertì l’odore del gelo e alzò la testa, aprì gli occhi  e una mano lo toccò sulla testa fra le orecchie , gli accarezzò il naso e il caldo fastidioso che aveva intorno svanì :davanti a lui una figura c’era alta e bianca come il ghiaccio tanto bianca da parere azzurra , i capelli biondi ma chiari come un lungo mantello che scendeva sopra la veste argentata :la signora lo guardava e gli sorrideva : fataricamo“ stai felice , piccolo Orso: il tuo mondo non è questo, .. sei nato per i  ghiacci infiniti dove l’uomo ,per fortuna passa ben di rado  ; tu sei un grande Orso Bianco , il re dei Ghiacci ; sei destinato a vivere lassù  perché la vita continui a dispetto degli uomini e dei loro disastri ; i tuoi figli ed i figli dei tuoi figli  correranno sulle distese eterne , cacceranno e pescheranno e sfideranno il vento del grande nord .Abbi fiducia piccolo , abbi fede , dormi ora …. quando ti sveglierai  ricorda … il creato è eterno “.knut7

Il mattino dopo nello Zoo avvenne il finimondo: Knutt era sparito: le ricerche furono inutili. volatilizzato; si disse che era stato sottratto , ma da chi e come non si potè comprenderlo . Solo il suo Amico, vedendo vicina alla grande fossa una macchia di neve che si scioglieva parve comprendere e sorrise.

 Ed ecco Knut passeggia sul ghiaccio ma è irrequieto, si guarda intorno, alza il muso a cercare odori lontani, a scorrere l’orizzonte vuoto .knut81 finchè… ma sì un’ombra una forma cosa sarà? Forse una foca, ma avvicinandosi gli pare forse un orso, un altro orso bianco;

Questi si avvicina sempre di più, è più piccolo di lui, con un’andatura delicata, ha un bel naso nero e due piccole orecchie … e quando è vicino, orsoultimocon il naso si strofina sul suo muso e poi si allontana girandosi a guardarlo e Knutt, che non ha mai visto un’orsa, non sa perché ma la segue e sa che non sarà più solo.orsoknut5

 

 

No Comments Yet.

Leave a Reply