Categorie

Le Sfrappole della mia Mamma

gennaio 7, 2009

sfrappol  Le sfrappole della mamma ,(ricetta a lei trasmessa dalla nonna) , hanno sempre avuto un grande successo : ecco qui:500 gr di farina-1 cucchiaio raso di zucchero- 4 rossi di uovo-1 uovo intero-           ½ bicchiere di cognac                     

                       

 viene una pasta abbastanza dura che deve essere liscia  a ben gialla ;  tirare la pasta sottile a velo ; tagliarla con la apposita rotella a strisce irregolari , alte circa 6 centimetri e lunghe; si possono formare anche nodi e nastri .; nel frattempo fate scaldare in una padella di ferro a bordo alto ( questo tipo di padella è essenziale per la frittura ) abbondante olio tanto da coprile la frittura;il segreto sta nella temperatura dell’olio che deve essere continuamente regolata aggiungendo olio nuovo e spegnendo la fiamma in modo che l’olio non sia tanto caldo da fumare perché brucerebbe le sfrappole o troppo freddo  perché la frittura ne assorbirebbe troppo e resterebbe  molle.Debbono restare chiare quasi di colore naturale ma essere croccanti ; mettetele su carta assorbente e poi su un vassoio e spolveratele di moltissimo zucchero vanigliato .

 Come vedete , trattandosi di una ricetta antica  è molto semplice e non c’è burro ;per completezza dirò che  in altre ricette che ho trovato, la preparazione è assai diversa appunto per la presenza di burro; vi annoto la ricetta dei “Cenci  “riferita nell’ Artusi ma a mio parere , con il burro  divengono più pesanti e meno friabili

 Farina 240 gr , gr 20 di burro, gr 20 di zucchero velo; 2 uova un cucchiaio di acquavite ,un pizzico di sale .

 Fate una pasta soda , farla riposare infarinata ed avvolta in un canovaccio; tirate la sfoglia della grossezza di uno scudo e tagliarla a striscia lunghe un palmo  e larghe due o tre dita; fate nelle striscia qualche incisione per ripiegarle o intrecciarle con forme bizzarre. Spolverizzarle dopo averle fritte con  zucchero a velo .

 Altra ricetta del Cenci detti anche Nastrini delle Monache è tratta dal mio libro datato 1878.

2 pugnelli di farina, fatevi un buco e mettetevi un tuorlo d’uovo 2 cucchiai di zucchero un poco di acquavite o rum; lavorate la pasta e fatela riposare 10 minuti; tagliatela a liste .lunghe un dito e larghe altrettanto ricondotte le due estremità di questi  nastrini uno sull’altro, gettateli in olio bollente, serviteli spolverizzati di zucchero –

 Sbizzaritevi anche con le diverse ricette dolci di CARNEVALE

No Comments Yet.

Leave a Reply