Categorie

I Fritti Dolci

gennaio 7, 2009

 I dolci fritti, preparati con farine diverse , da quella classica bianca , a quella di castagne, alla farina gialla come il migliaccio, addolciti anche con il miele, sono dolci antichissimi  che trovano origine fino dai tempi dei romani : le frictilia , preparate per la festa di primavera ,erano fritte nel grasso di maiale e zuccherate .

 Generalmente dolci di questo tipo sono tradizionali per il carnevale ; in verità un tempo erano piuttosto legati alle feste di primavera che  con il carnevale non coincidono .Hanno nomi e forme diverse nelle varie regioni italiane :a volte lievitati, a volte no, a volte ripieni  di crema o ricoperti di miele e cioccolato 

Sono :

  Sfrappole o Galani  a Bologna e Venezia, Cenci a Firenze ;Castagnole dell’Italia meridionale;Tortelli dolci dell’Italia centrale .

Una nota  a parte le raviole bolognesi ; pasta non lievitata , ripiene di mostarda bolognese,( che, attenzione è una marmellata di frutta mista con  prevalenza  di cotogna e non una salsa agrodolce ), poi fritte e anche coperte di liquore .

Le sfrappole ,  galani e le chiacchiere  possono anche essere coperte da miele e/o zucchero a velo, innaffiate con alchermes o servite con il sanguinaccio o con mascarpone montato e zuccherato.

il Sanguinaccio è una crema dolce a base di cioccolato fondente amaro. Nella versione originale, il sanguinaccio è aromatizzato con sangue fresco di maiale, il che gli fornisce un caratteristico retrogusto acidulo.Oggi sono per lo più preparati a carnevale ; i piu semplici  sono  costituiti da pasta tagliata a strisce o comunque a pezzi e fritti .

 Cicerchiata, frittelle di riso o semolino, frittelle di mela e altri che trovate al menù fritti dolci ; queste prelibatezze sono indicate per un Dopo- Cena goloso

No Comments Yet.

Leave a Reply